Web - Magazine

Cloud Working: collaborare a distanza; si può? sarà vero?

Mentre sfogliavo il numero di Marzo di Glamour mi è subito balzato agli occhi il titolo di questo articolo che ho trovato nella sezione lavoro scoop: “Pronte a lavorare con tutto il pianeta? Iniziando a leggere mi sono incuriosita sempre di più perché ho scoperto che si parlava di cloud working (collaborazione a distanza) da non confondere con, l’ormai famoso, crowd funding
In poche parole, il cloud working dovrebbe servire ad abbattere le distanze tramite il web, rendendo il pianeta un unico marketplace. Esistono delle piattaforme online che servono a mettere in contatto domanda e offerta senza intermediazioni. Quindi, in teoria, non ci sarebbe più bisogno di trasferirsi all’estero per lavorare con esperti internazionali.
L’azienda che cerca un professionista inserisce sul sito web il progetto che intende realizzare, comprensivo di budget, tempistiche e conoscenze necessarie per svolgere il lavoro. I free lance già iscritti, se hanno le competenze giuste, ricevono una email di notifica dal sistema. Allora inviano il loro preventivo al cliente e l’azienda sceglie a chi affidare l’incarico.” 
E diciamo che fin qui mi sembrava tutto fin troppo bello, infatti ho subito pensato: “finalmente ho trovato la soluzione ai miei problemi!” ma, come era prevedibile, ho cantato vittoria troppo in fretta perché, provando ad iscrivermi a Twago, la piattaforma più grande d’Europa, ho trovato subito l’intoppo! (Ho fatto degli screenshot delle pagine in modo tale che tutti voi possiate vedere di cosa parlo).
Dopo aver inserito i dati per iniziare la registrazione (che, secondo quello che c’è scritto, dovrebbe essere gratuita), ecco qui che casca l’asino! 

Mi sono ritrovata difronte a quest’altra schermata che, solo in un secondo momento, ci dice che esistono vari modelli di iscrizione. E ovviamente, quelli più interessanti, sono a pagamento! Io ho optato per la versione BEGINNER (l’unica gratuita) pur non sembrandomi molto utile dato che, oltre ad avere un numero limitatissimo di offerte, ha un 7% di commissioni obbligatorio. 
Ma ho voluto dargli ugualmente fiducia e provare!
Che dire, spero non sia l’ennesima presa in giro, in ogni caso vi informerò sugli sviluppi! Essendo un pò sfiduciata mi sento di dire che, se l’intento è quello di dare opportunità di lavoro ai giovani, be’ forse non è questo il modo migliore. Credo sarebbe più produttivo avere la possibilità di testare gli effettivi risultati della piattaforma, attraverso un periodo gratuito di prova, prima di effettuare una scelta. 
Detto questo, nei prossimi giorni andrò alla ricerca di altre piattaforme per vedere se funzionano tutte allo stesso modo e vi terrò aggiornate! 😉
Baci, Fabry

Good soundness is a result of proper nutrition and lifestyle. How can medicaments hels up? Nowadays, there are many Americans get remedies online. So it’s no wonder that online pharmacies is becoming more popular over the last years. Revia blocks an enzyme that is involved in metabolizing alcohol intake. This medicament is part of a recovery program that includes medic counseling. Sure thing most popular is Cialis. Many men around the World ask about cialis price walmart. What do you know about extra savings on cialis? Usually, both men and women are afflicted by sexual health problems. Fortunately most of problems with sexual soundness can be solved. Hardening of the arteries can lead to erectile disfunction. If you choose to buy drugs like Cialis online, if possible see your physician before do it. People must always ask heartiness care vocational for medical consultation about the treatment. Follow the directions for use on your recipe label.

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

15 Comments

  • Reply
    My Vintage Curves
    marzo 23, 2013 at 8:38 am

    Un post di servizio, molto molto utile. Purtroppo la prassi di far pagare per colloqui e iscrizioni diventa sempre più comune.
    Aspetto aggiornamenti sulle altre piattaforme!
    http://www.myvintagecurves.it

  • Reply
    onlyforfashionvictim
    marzo 23, 2013 at 9:11 am

    Faccio la copywriter da anni e lavoro con Twago sin dall’inizio: sono molto professionali e ti garantiscono un supporto telefonico in ogni momento.
    http://www.onlyforfashionvictim.blogspot.it

  • Reply
    fashionIsteRS_Ari e Ile D.
    marzo 23, 2013 at 9:38 am

    grazie x queste info utilissime !
    PESCARA LOVES FASHION blog!
    FACEBOOK PAGE

  • Reply
    Giulia
    marzo 23, 2013 at 10:20 am

    Utilissimo questo post, aspetto allora maggiori informazioni sugli sviluppi e vedo se conviene iscriversi :)

    http://thefashionshadowbygiulia.blogspot.it/

  • Reply
    Alessandra
    marzo 23, 2013 at 10:48 am

    Graziee dell’info!!
    Alessandra
    http://www.alessandrastyle.com

  • Reply
    Priscilla Proietti
    marzo 23, 2013 at 11:20 am

    Anche io ho letto l’articolo su Glamour e trovo questo tuo post molto interessante. Purtroppo però quando si tratta di queste cose, troppo spesso ci sono piccoli “intoppi” nascosti. Se si tratta di una piattaforma che dovrebbe aiutare a trovare lavoro non mi sembra molto giusto chiedere cifre così alte, o almeno sarebbe più giusto chiederle nel momento in cui tramite la piattaforma si riesce effettivamente ad avere un buon contatto di lavoro.

    http://leclatdelamode.blogspot.com

  • Reply
    ElectroMode
    marzo 23, 2013 at 11:50 am

    Anch’io ho letto l’articolo su Glamour.
    Ho provato a fare un giro su Scribox, che è la piattaforma dedicata alla scrittura. Però non so, c’è qualcosa che non mi convince, magari è solo un’impressione, perché comunque non sono andata avanti nell’iscrizione. Comunque almeno nel caso dei testi da quello che ho capito i compensi sono piuttosto bassi.

    Alessia
    ElectroMode

    • Reply
      The Fashion Commentator
      marzo 23, 2013 at 8:11 pm

      Interessante questo Scribox! corro a dare un’occhiata anche io!
      Grazie a te Fabrizia per aver condiviso la notizia… e la delusione per aver trovato l’intoppo. Aspetto comunque di leggere una recensione sul servizio che offrono!
      Ciao
      Alessandro – The Fashion Commentator

  • Reply
    Marta
    marzo 23, 2013 at 3:21 pm

    Un post davvero utile, grazie delle info :) bacii

  • Reply
    TheSweetColours
    marzo 23, 2013 at 7:16 pm

    Facci sapere!

  • Reply
    Dario Fattore
    marzo 23, 2013 at 7:49 pm

    interessantisssimo
    se ti va dai un occhiata al mio blog http://www.whosdaf.com :))
    take a look at http://www.whosdaf.com ;))
    like my fb page n enjoy it https://www.facebook.com/whosdaf?ref=hl ;))

  • Reply
    Annelicious
    marzo 24, 2013 at 3:57 pm

    Sembra interessante…facci sapere poi gli sviluppi! :)

    Passa da me, nuovo post!

    http://theannelicious.blogspot.it/

  • Reply
    Jimmy
    settembre 2, 2013 at 1:28 am

    Often its a pain in the ass to read what blog owners
    wrote but this site is truly amazing and I really treasure your piece of work, Excellent post.

  • Reply
    Exposed Skincare
    gennaio 16, 2014 at 11:18 pm

    Some very nice stuff on this website, I like it.

  • Leave a Reply