Beauty

Cos’è lo sugaring ?

ceretta-araba-ricetta

Lo sugaring è un antichissimo metodo di depilazione naturale, molto delicato, utilizzato dagli antichi egizi. Si pensa addirittura che la prima ad adottare tale metodo, per eliminare i peli superflui dal suo bellissimo corpo, fu proprio Cleopatra!  Secondo la cultura egizia infatti, il corpo delle donne rappresentava l’espressione massima di purezza, quindi era bandito qualunque inestetismo, compresi i peli.

egyptian-perfume-cone

Questo metodo è conosciuto anche come ceretta arabahalawa o sokkar ed è adatto a chi ha una pelle sensibile o a chi non sopporta il dolore della ceretta tradizionale poichè è molto meno doloroso e può essere utilizzato per depilare qualsiasi area del corpo. Come dicevo prima, è una ceretta totalmente naturale poichè composta da zucchero, acqua e limone ed è molto più igienica rispetto alla cera classica poichè l’operatrice utilizza dei guanti per applicare l’impasto e non la classica spatola che potrebbe essere veicolo di infezioni.

maxresdefault

Come va applicata questa ceretta? Innanzitutto, se avete la pelle un pò secca, è consigliabile prima fare un scrub e poi applicare un pò di talco per evitare che aderisca troppo alla pelle. Successivamente, la cera va stesa contro pelo e strappata nel verso del pelo (a differenza di quella tradizionale), ciò fa si che la crescita del pelo sia notevolmente più lenta ed inoltre lascia la pelle morbida e per niente irritata.

62952884-istruzioni-di-zuccheraggio-epilazione-come-funziona-pasta-di-zucchero

Nel caso in cui resti sulla pelle qualche residuo non c’è da preoccuparsi, basterà sciacquare la zona con un po’ d’acqua tiepida e andrà tutto via, in fondo è solo zucchero! 😉

Su internet è possibile trovare tante ricette per una “ceretta araba fai da te” ma, preparare la giusta miscela da sole, non è così facile come sembra, per questo è sempre meglio rivolgersi a estetiste professioniste così come ho fatto io andando da My Beauty SPA a Bari in Viale Luigi Einaudi 70 :-)

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply